«Storie dei nuovi di Puglia.

Nel Salento, appena a sud di Lecce.

Un gruppo di giovani architetti inizia a lavorare su un’area povera fino a riuscire a ribaltare completamente la percezione che gli abitanti stessi avevano delle risorse del loro territorio.

Così un’immensa area di 5.500 ettari di ulivi secolari, poco redditizi, comincia a trasformarsi nel Parco dei Paduli.

Iniziano con piccoli laboratori di partecipazione.
Nel 2009 vincono il primo bando Principi Attivi.
Incontrano le politiche regionali per la tutela e la valorizzazione del territorio.
Nel 2012 i comuni dell’unione gli affidano la gestione dei 5 Laboratori Urbani Bollenti Spiriti e loro coinvolgono una rete di associazioni giovanili.
Da lì nasce la produzione di olio di qualità, un servizio di mobilità lenta, servizi di ospitalità diffusa per chi vuole vivere un’esperienza di totale immersione nella natura.
Il progetto si allarga e riesce ad attrarre altre risorse dalla Fondazione con il Sud.
Incrocia le politiche di promozione turistica.
Nasce un laboratorio del gusto, un progetto musicale, letteratura, escursionismo, arte contemporanea.

Ecco a cosa serve Bollenti Spiriti.

Ad aiutare i giovani ad essere protagonisti della trasformazione della realtà che li circonda.
Ecco a cosa servono i finanziamenti per i Laboratori Urbani.
A trasformare degli spazi pubblici sprecati in luoghi che producono cultura, lavoro, sviluppo.

10379505_10152780642019758_1192585057314631612_o
Guglielmo Minervini

Funziona a patto che i giovani siano protagonisti e non clienti passivi.
Funziona se le istituzioni sono capaci di ascoltare, comprendere e accompagnare i progetti che vengono dal basso.
Se sanno farsi contagiare dalle idee di cui i giovani sono portatori.

L’altro giorno, a San Cassiano, in una sala strapiena, c’erano tutti.

Tutti insieme a festeggiare il successo di un progetto pugliese che è stato scelto dal Ministero dei Beni Culturali, tra oltre 50 candidature, come miglior progetto sul paesaggio che rappresenterà tutta l’italia al Premio del Consiglio d’Europa.

L’unico progetto italiano.»


Guglielmo Minervini

Assessore regionale
Politiche giovanili, Trasparenza e Legalità