racale-tares

Il Comune di Racale sarà uno tra i comuni che farà arrivare ai sui cittadini bollette TARI (tassa rifiuti) più basse rispetto all’anno precedente.
Così commenta il sindaco Donato Metallo: «Ci siamo riusciti nonostante: l’aumento dei costi di discarica in seguito ad una sentenza che ha colpito tutti i comuni (ben 300 mila euro in più per il nostro comune) e l’aumento, anche se limitato, per il nuovo servizio che prevede tra le varie novità anche la differenziata tutto l’anno in Torre Suda.»
Ricordiamo che Racale è uno tra i comuni che è sfuggito al pagamento dell’Ecotassa, perché ha saputo incrementare la percentuale di raccolta differenziata dal 13,63% al 28,68%. (Racale, raccolta differenziata giugno 2014: 28,68% e i cittadini dicono NO all’Ecotassa)

I cittadini di Racale pagheranno di meno, questo grazie all’impegno dell’Amministrazione che è stata capace di far risparmiare 180.000 euro dell’addizionale ex ECA che prima i cittadini ritrovavano in bolletta. Da ricordare anche che la transazione chiusa con la ditta che gestisce il servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti, permette di rimborsare ai cittadini oltre 230.000 euro.

Ci sarà un risparmio medio di oltre il 10% in bolletta.

In più è stato utilizzato il cosiddetto principio “chi inquina paga”.
Pertanto sono state previste diverse riduzioni per chi utilizza buone pratiche che aiutino ridurre ulteriormente la produzione dei rifiuti.

  • Riduzione del 20% per chi userà la compostiera domestica;
  • del 70% per chi abita o abiterà o farà impresa nelle strade del centro antico;
  • 70% di riduzione per i negozi alla spina;
  • riduzioni fino al 65% per chi smaltisce in proprio i rifiuti speciali (prima era il 50%);
  • esenzione totale per le associazioni Onlus.

Addirittura, pur i calcoli statali prevedessero un aumento di oltre il 300% su alcune utenze non domestiche (bar, trattorie, pizzerie, ortofrutta, pescherie, ecc.), l’Amministrazione ha mantenuto basse anche quelle tariffe.