Mercoledì 25 giugno, si è riunita la Consulta Giovanile di Racale per discutere sull’adesione al Documento Politico del Puglia Pride 2014, in occasione del primo Gay Pride nel Salento che si terrà a Lecce sabato 28 giugno.

La discussione portata qualche settimana fa in Commissione Cultura-Sport da parte del rappresentante del gruppo consiliare “Io amo Racale” Mattia Chetta, si è aperta dopo che il Presidente Fabio Garacci Pizzolante ha dato lettura del documento. Il primo intervento è stato da parte dello stesso Presidente che ha manifestato il suo voto favorevole seppur rimarcando una non condivisione per le adozioni alle coppie non eterosessuali. Ma dimostrandosi favorevolissimo al matrimonio più che alle unioni civili e ribadendo che questa del riconoscimento dei diritti alle coppie dello stesso sesso è una battaglia importante, qui in Italia, dove vi è ancora una forte carenza legislativa.  Successivamente sono intervenute le rappresentanti delle associazioni religiose Eleonora Scigliuzzo per gli logo_consulta giovanileScout Racale 1 e Simona Francesca Stanca per l’Azione Cattolica della Parrocchia San Giorgio che hanno dichiarato il loro voto di astensione  poiché a causa dei tempi brevi non vi era stata la possibilità di approfondire la questione nelle rispettive associazioni. Nonostante ciò, hanno ribadito che personalmente erano d’accordo con la sottoscrizione.

Non poteva mancare l’intervento del rappresentante del gruppo consiliare “X la Città Nuova”, Tommaso Nicchiarico, che si è espresso assolutamente a favore delle tematiche riportate nel manifesto, senza alcuna perplessità. Contrariamente a quanto ha dichiarato, invece, il consigliere comunale con delega alle Politiche Giovanili membro dell’Assemblea Regionale del Partito Democratico eletto nelle liste di Io amo Racale, Daniele Renna, in disaccordo con le adoziani ma favorevole alla sottoscrizione del Documento.

La Consulta con 12 favorevoli e 2 astenuti ha approvato l’adesione al Documento Politico del “Puglia Pride”.

Per leggere nel dettaglio il Documento Politico del “Puglia Pride” clicca qui.