Il Paese dei balocchi di Marco Antonio Romano

Citazione

Marco Antonio Romano; foto di Giuliano Sabato

Mohammed vive qui a Gallipoli da non so quanti anni. Tanti, non so quanti. D’inverno ha un carretto con cui gira i paesi qua intorno, si ferma nei mercati di paese o nelle feste patronali, provando a vendere suppellettili e, appesi a due staffe che si è costruito e montato con dedizione, parasole, plafoniere e dei bellissimi abiti provenienti dalla sua terra d’origine, il Marocco. I pochi denti che ha in bocca non gli impediscono di sorridere, mentre gli racconto di un Progetto contro il razzismo di qualche mese fa e gli dico “Se ti avessi conosciuto prima ti avrei invitato a cucinare le cose del tuo paese!
E lui mi risponde che si, sa cucinare bene, peccato, “a la prosima che fai io vengo i cuscino, sensa problemi, per tutti“.
Poi, mentre parliamo, mi dice che d’estate cambia qualcosa nel suo lavoro. Sempre lo stesso carretto, ma se ne va in giro sui lidi del litorale di Continua a leggere

Condividi questo Contenuto

    Giuliano Sabato al Terrasininphoto 2018 – memoria è antirazzismo

    Immagine

    copyright Giuliano Sabato

    Una foto di Giuliano Sabato è stata selezionata dall’associazione Nazionale Tempi e Diaframmi su oltre 5000 scatti. La foto è esposta insieme alle 150 super top selezionate per l’evento “Terrasininphoto 2018” che si terrà a Terrasini dal 22 luglio al 05 agosto.

    La storia di cui vi parliamo oggi parte da tanto lontano, esattamente ha a che fare con la Seconda guerra mondiale e ha a che fare con quel filo di cui parla Piero Terracina: “un filo che va dal passato al presente ma poi deve raggiugere anche il futuro”. Oggi più che mai dobbiamo sentire la responsabilità di non dimenticare quella storia, di portare nel futuro quel gomitolo di filo.

    Per farlo ci sono diversi modi, questo che raccontiamo oggi ne è un esempio; una buona pratica in cui attori diversi fanno la propria parte. Era il 2014 quando da Racale partì il primo gruppo di ragazzi per il Treno della Memoria. Fu la risposta di un’amministrazione che credeva in un senso di cittadinanza in cui il primo punto del programma elettorale era quello di generare un cambiamento nella coscienza dei più giovani, perché era da lì che si doveva partire per cambiare un piccolo paese; iniziando dalla costruzione di una comunità consapevole, attenta e che sviluppasse un senso civico tale da essere sensibile alle scelte sociali e politiche che la riguardano.

    La storia di oggi parte da qui. Scaviamo ancora più a fondo, scaviamo e ritorniamo indietro nella storia. Ottanta anni fa il nostro Paese si macchiava dell’emanazione delle leggi razziali fasciste, così dopo il più aspro conflitto mondiale, dalla Resistenza nacque la Costituzione, antirazzista e antifascista. E da ottanta anni a questa parte il nostro Paese sembra non aver ancora fatto bene i conti da quella parte di storia, ecco che dalle Continua a leggere

    Condividi questo Contenuto

      Treno della Memoria – la decima edizione per la Puglia

      Comunicato:

      TRENO DELLA MEMORIA
      750 ragazzi in visita ai campi di sterminio di Aushwitz e Birkenau
      Partenza il 27 gennaio da Bari

      Manca poco ormai alla partenza del Treno della memoria. Dalla Puglia anche quest’anno partiranno circa 750 ragazzi provenienti da più di 50 istituti scolastici superiori, insieme con alcuni corsi di laurea dell’Università del Salento, oltre 50 tra educatori e staff e tanti ospiti che andranno a visitare i campi di concentramento e di sterminio di Auschwitz e Birkenau.

      Giunto oramai alla decima edizione, il progetto, curato dall’associazione culturale ed ente di promozione sociale Terra del Fuoco Mediterranea, prevede un vero e proprio percorso educativo, prima durante e soprattutto dopo il viaggio, che serva a ripercorrere le tappe storiche fondamentali, ma anche a veicolare ai  ragazzi  un senso profondo di responsabilità e partecipazione.

      La partenza è fissata per il 27 Gennaio dal Palaflorio di Bari. Dopo i saluti del sindaco Antonio Decaro interverrà anche l’assessore all’istruzione di Bari Paola Romano, l’assessore regionale Guglielmo Minervini (il cui assessorato alle Politiche Giovanili, Trasparenza e Legalità ha contribuito anche quest’anno in maniera determinante al progetto), il presidente della Regione Nichi Vendola e il prorettore dell’Università del Salento Vittorio Boscia, i sindaci di Carpignano Salentino, Ortelle, Surano e Racale Continua a leggere

      Condividi questo Contenuto

        “Bisogna decidere dove investire le risorse” – il Comune di Racale investe sui giovani

        Donato Metallo: “Noi abbiamo deciso di non fare le luminarie a Natale, però di far partire dieci ragazzi nei campi di concentramento”

        Il Sindaco di Racale interviene all’assemblea di partenza del “Treno della Memoria 2014”.
        Puglia. 12/02/2014, c/o Istituto “Marco Polo” – Bari.

        Condividi questo Contenuto

          “Treno della Memoria 2014” – il Sindaco di Racale interviene all’assemblea di partenza

          “L’Associazione culturale ed ente di promozione sociale “Terra del Fuoco-Mediterranea”, organizzatrice del progetto “Treno della Memoria” dal 2006, anche quest’anno ha permesso a 500 ragazzi pugliesi (e 50 calabresi) di vivere questa esperienza.

          Mercoledì 12, presso l’istituto Marco Polo di Bari, alle ore 9.30 si terrà l’assemblea di partenza alla quale interverranno l’assessore alle Politiche Giovanili, Trasparenza e Legalità della Regione Puglia, Gugliemo Minervini, il prorettore vicario dell’Università del Salento, Vittorio Boscia, il sindaco di Bari, Michele Emiliano, il sindaco del Comune di Racale, Donato Metallo, il presidente dell’Associazione Terra del Fuoco, Oliviero Alotto.

          Modererà l’assemblea il Continua a leggere

          Condividi questo Contenuto

            <<...era con quei cani da guardia, sempre minacciosi, che i soldati ci tenevano in riga>>

            Ci accoglie con un sorriso un po’ forzato, lasciando da parte per un’ora i dolori che l’affliggono da tempo, facendoci accomodare in un angolo della bella casa di cura per anziani nel centro di Stoccolma. Le è costato molta fatica decidere di raccontare la sua odissea, riaprendo così le ferite che molto lentamente si erano richiuse nella sua anima. E che l’hanno segnata per sempre. «Vede, forse le sembrerà strano, ma la sola vista di un cane pastore tedesco mi far star male ancora oggi perché era con quei cani da guardia, sempre minacciosi, che i soldati ci tenevano in riga».

            Poi, tirando un sospiro profondo, Sara Rosenbaum ci dice: «Se sapesse… dopo che sono apparsa alla televisione svedese… ho ricevuto tante minacce dai neonazisti, anche recentemente, e non vorrei che approfittassero di questa occasione per tornare all’attacco. Molti amici mi avevano sconsigliato di parlare ancora temendo per la mia incolumità, ma ho pensato: bisogna che qualcuno racconti Continua a leggere

            Condividi questo Contenuto

              Dopo gli insulti razzisti, Nichi Vendola incontra la capitana della squadra del Mesagne Volley Nneka Karen Arimze

              “Ho voluto accogliere Nneka Karen Arinze nella Presidenza della Regione Puglia perché questa è la casa di tutti i pugliesi. Sono felice di averla ricevuta e per me è una grande onore che sia venuta qui. Lei è un’ambasciatrice della Puglia”.

              Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola che questo pomeriggio ha incontrato la capitana della squadra del Mesagne Volley Nneka Karen Arinze, oggetto, domenica scorsa, di insulti razzisti da parte di alcuni tifosi della squadra avversaria durante una partita disputata a Montescaglioso, nel materano.

              “Un insulto razzista – ha detto Vendola – insulta prima di tutto l’intelligenza di chi lo pronuncia, e poi offre un’immagine degradata, un segno Continua a leggere

              Condividi questo Contenuto

                “…un pensiero per i molti, troppi morti senza nome che il nostro Mediterraneo custodisce”

                TAVIANO (Lecce) – La tragedia di Lampedusa ha colpito profondamente la coscienza di molti cittadini italiani. Sono numerose le iniziative “per non dimenticare”. Continua a leggere

                Condividi questo Contenuto