Puglia Pride 2014

racale cam

Si è svolta sabato 28 giugno a Lecce la tappa finale del Puglia Pride. Nonostante il caldo e il sole cocente la partecipazione è stata numerosa: 1500 persone secondo le autorità, circa il doppio secondo gli organizzatori. Vi hanno preso parte persone di tutte le età, padri e madri di figli omosessuali, transessuali e famiglie omogenitoriali in un clima gioioso e di festa, senza nessun eccesso. Il corteo è partito alle 17 da Porta Napoli ed è arrivato in piazza Mazzini accompagnato dalla musica e dai balli dei partecipanti. Madrina della parata è stata l’artista transgender Eleonora Magnifico, sempre impegnata per il riconoscimento dei diritti della comunità LGBT come, ad esempio, il matrimonio egualitario, le adozioni per coppie dello stesso sesso e il riconoscimento delle famiglie omogenitoriali. Presenti il governatore della Puglia Nichi Vendola, il sindaco di Bari Antonio Decaro e il sindaco uscente Michele Emiliano. All’evento hanno aderito anche tanti etero che riconoscono i diritti LGBT. A chiudere il corteo il discorso del governatore Nichi Vendola che ha sottolineato l’assenza delle istituzioni nonostante il grande salto che sta facendo la città anche in vista della candidatura a Capitale Europea della Cultura 2019.

Condividi questo Contenuto

    Anche la Consulta del Comune di Racale sta con i diritti degli LGBTQI. Scout e Azione Cattolica si astengono.


    Mercoledì 25 giugno, si è riunita la Consulta Giovanile di Racale per discutere sull’adesione al Documento Politico del Puglia Pride 2014, in occasione del primo Gay Pride nel Salento che si terrà a Lecce sabato 28 giugno.

    La discussione portata qualche settimana fa in Commissione Cultura-Sport da parte del rappresentante del gruppo consiliare “Io amo Racale” Mattia Chetta, si è aperta dopo che il Presidente Fabio Garacci Pizzolante ha dato lettura del documento. Il primo intervento è stato da parte dello stesso Presidente che ha Continua a leggere

    Condividi questo Contenuto

      Matrimoni omosessuali: perchè in Italia no

      omosessualiMATRIMONI OMOSESSUALI:

      PERCHÉ IN ITALIA NO?

      Vicenda che ha fatto molto discutere l’ opinione pubblica, negli ultimi tempi, è stata quella di Bruno Boileau (30 anni) e Vincent Autin (40 anni): due ragazzi francesi che, dopo tanto tempo e tanta attesa per una legge soggetta ad un iter di approvazione molto lungo, hanno coronato il sogno di sposarsi civilmente, al municipio di Montpellier, di fronte a familiari ed amici evidentemente commossi per l’ avvenimento. Bruno e Vincent hanno potuto fare ciò grazie alla legge Taubira (ministro della giustizia francese), promossa dal presidente della Repubblica francese Hollande e approvata dall’ Assemblea Nazionale, il 23 aprile 2012, con 331 voti favorevoli e 225 contrari.

      La suddetta data è stata definita “la più grande riforma della società in Francia, dopo l’ abolizione della pena di morte del 1981”, ma a questo punto una domanda sorge spontanea: dato che la Francia è stato il quattordicesimo Paese al mondo ad aver approvato le nozze gay, quando (e se) arriverà il momento della nostra Italia? Quali sono, nel nostro Paese, gli ostacoli giuridici che impediscono a persone come Bruno e Vincent di potersi sposare?

      Facendo una premessa, bisogna sottolineare che la Convenzione Europea sui Diritti dell’Uomo (CEDU, art. 12: “l’ uomo e la donna hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia secondo le leggi nazionali che regolano l’esercizio di tale diritto”), la Carta di Nizza (art. 9, il quale non vieta né impone la concessione dello status matrimoniale a unioni tra persone dello stesso sesso) e le diverse risoluzioni del Continua a leggere

      Condividi questo Contenuto

        La Commissione Pari Opportunità di Racale dice “SI” all’adozione per le coppie omosessuali

        puglia PrideIl 28 giugno 2014 si terrà nella città di Lecce il “Puglia Pride”. L’occasione ha l’obbiettivo di far conoscere le tematiche della comunità arcobaleno attraverso la realizzazione di un Pride per la prima volta nel capoluogo salentino.

        L’omosessualità, d’altra parte, continua a dividere l’opinione pubblica nel quadro di una legislazione piuttosto incardinata a schemi che in altre parti d’Europa e del mondo sono stati “aggiornati”. Ecco allora un’occasione di stimolo e di riflessione.

        Il Pride è il momento di massima espressione della battaglia per il riconoscimento della dignità, della parità e della libertà di vivere e amare senza subire ingerenze religiose, moralistiche e ideologiche. Nel Pride confluisce la forza di una comunità che si trova unita nell’orgoglio per quello che si è, nella rivendicazione di una reale equità, nella gioiosa visibilità individuale e collettiva.
        In tal senso il Comitato promotore ha voluto redigere un vero e proprio appello alle Istituzioni, alle associazioni e a tutte le cittadine e i cittadini, atto a intraprendere un percorso di costruzione di “una società più accogliente e meno discriminante favorendo il superamento di stereotipi e pregiudizi, in modo che alla persona sia garantito un armonioso ed equilibrato sviluppo rispetto al proprio orientamento sessuale, alla propria identità di genere e alle scelte di vita a questi elementi connesse.”

        Il supporto e la condivisone di quello che rappresenta il Gay Pride è arrivato anche dalla Commissione Pari Opportunità del Comune di Racale. Infatti, la Commissione, che Continua a leggere

        Condividi questo Contenuto