Una rete di associazioni per ricostruire l’Orto dei Tu’rat


Sabato 7 agosto l’associazione culturale “Orto dei Tu’rat” inseme ad una rete di associazioni, istituzioni, artisti e uomini della cultura,  organizzano una kermesse di musica e cultura. Tutto questo per supportare economicamente la ricostruzione e il ripristino dell’Orto dei Tu’rat adanto nuovamente distrutto per la quarta volta da un incendio.

Tra musica e cultura, l’iniziativa che va sotto il nome di “CONSCIOUS ISLAND IV” vuole essere un momento di condivisione e scambio di idee e pensieri, una possibilità di favorire lo sviluppo di una rete che comprenda tutte le associazioni presenti sul territorio.

Tra le associazioni c’è anche l’adesione di “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”

Cos’è l’Orto dei Tu’rat

Il progetto Orto dei Tu’Rat, premio di Legambiente per le innovazioni  intelligenti, nasce in un terreno dato in comodato d’uso gratuito all’associazione culturale Orto dei Tu’rat.

Il progetto si prefigge di dare risposta ad un problema sempre più spesso  evidenziato dalle più sofisticate ricerche scientifiche che indicano nel Salento uno dei territori europei a maggior rischio di desertificazione e salinizzazione. Continua a leggere

Condividi questo Contenuto

    Comitato Voce dell’Ulivo – primo incontro con il Commissario Delegato per l’emergenza Xylella Dott. GIUSEPPE SILLETTI

    Comunicato stampa comitato “Voce dell’Ulivo”

    logo voce dell'ulivo
    L’impegno al fianco dei produttori continua…
    Primo incontro pubblico e informativo con il mondo agricolo, del Commissario Delegato per l’emergenza Xylella, Dott. GIUSEPPE SILLETTI.

    Il gruppo promotore indice assemblea SABATO 28/02/15 ORE 17,00 presso la COOPERATIVA ACLI RACALE, via prov. le Racale-Ugento Km 1.1.
    Si invitano, dunque, produttori, frantoiani, cooperative e cittadini tutti, che condividono le iniziative ed i valori del comitato. Si estende, inoltre, Continua a leggere

    Condividi questo Contenuto

      Dopo la “Marcia su Lecce” – comitato “Voce dell’Ulivo”

      comunicato stampa comitato “Voce dell’Ulivo”

      1617730_1571649889772018_6385399968159501335_o
      Ieri 24/02/2015, con la “Marcia su Lecce” si è concretizzata la volontà, da parte di tutti, di non arrendersi a veder morire la nostra Grande Bellezza: i nostri alberi di ulivo.

      È stata una giornata unica, intensa e piena di emozioni forti.
      Eravamo più di tremila, eravamo un corteo lunghissimo e ricchissimo, che ha manifestato dimostrando un alto senso di civiltà e rispetto della città che ci ospitava. Abbiamo urlato il nostro grido di dolore con dignità e fermezza, abbiamo fatto capire che questo è solo l’inizio.
      A questo punto è doveroso, da parte nostra, ringraziare tutti i partecipanti in modo indistinto, perché questo giorno è e deve rimanere il giorno del nostro amore verso questa pianta magica, l’albero di ulivo.
      Ieri, abbiamo registrato una moltitudine di consensi, con richieste di adesione al comitato, che vanno dal mondo produttivo, Sindaci e singoli cittadini. Tutto questo ci entusiasma e ci darà la forza per affrontare il futuro. Futuro che rimane incerto, e che solo con l’aiuto di tutti potrà cambiare in positivo.
      Siamo tutti consapevoli che sarà una battaglia lunga, piena di sfide e dall’esito incerto, ma non possiamo arrenderci, la salvezza dell’Ulivo è salvezza dei nostri figli, del nostro territorio, del nostro futuro.
      La nostra sensibilizzazione sul territorio continuerà, perché c’è Continua a leggere

      Condividi questo Contenuto

        Il Sindaco risponde così al ritratto di San Sebastiano in boxer: “Ogni artista è tale in quanto rispetta la propria libertà…”

        Il Sindaco di Racale Donato Metallo replica così alla provocazione dell’artista di strada Ozmo che ha ritratto nel pieno centro della città una gigantografia del Santo patrono, San Sebastiano, in boxer D&G e con attorno delle fiches da gioco d’azzardo:

        Ogni artista è tale in quanto rispetta la propria libertà, il proprio spirito ed il proprio genio. Il rischio che si corre nelle forme di arte “sociale” è quello di sottoporre la propria opera non tanto al giudizio popolare quanto al rispetto della sensibilità cittadina. Un dipinto su di un muro, nel cuore della città, diventa parte della stessa, ne rappresenta Continua a leggere

        Condividi questo Contenuto