L’Altra Europa con Tsipras: “un traguardo per una nuova partenza”

Foto di Stefania Sansone

Come commentare queste Elezioni Europee ?

Noi le abbiamo vissute in maniera molto particolare: all’inizio la pesavamo come tutti, “sono elezioni europee, poco importanti, ma che allo stesso modo richiedono un minimo d’impegno”. Qualcosa di tranquillo. Invece siamo rimasti piacevolmente sorpresi dalla nostra passione. Non avremmo mai creduto di riuscire a coinvolgere così tante persone.
Eppure è successo.

La nostra campagna per le europee è stata una battaglia molto coinvolgente, eravamo un gruppo, e soprattutto facevamo squadra. Giovani, pronti a mettersi in gioco, e tutti entusiasti dal voler disegnare Continua a leggere

Condividi questo Contenuto

    Il M5S alle Europee un gruppo persino meno rilevante del gruppo misto. “Per formare infatti un gruppo parlamentare servono almeno 25 eletti di almeno sette differenti paesi, e il M5S ha deciso di non parlare con nessun’altra forza europea”

    cosedellaltraeuropa
    1. “Perché votare un leader greco quando potete votare dei cittadini italiani?”

    Forse a causa del dibattito mediatico di questi giorni neanche i candidati pentastellati si sono accorti che si vota per il rinnovo del parlamento europeo, e non per quello italiano. Infatti a saguito dell´entrata in vigore del Trattato di Lisbona,  Il parlamento europeo per la prima volta indicherà il presidente della Commissione europea, l’organo esecutivo dell’UE. Il voto è quindi un voto europeo e noi candidiamo un europeo, il greco Alexis Tsipras. Lo candidiamo nell’ambito lista di cittadini e cittadine italiane, provenienti da movimenti, associazioni, organizzazioni politiche e mondi della cultura e del lavoro differenti tra loro, ma uniti  in un’alleanza che comprende forze di sinistra in tutta Europa e che ha come programma comune la lotta all´austerity e a precarietà e disoccupazione con la costruzione di nuovo modello sociale in un’Europa democratica.

    Anche le altre liste candidano non italiani (incredibile vero?) il PD un tedesco, le destre del PPE un lussemburghese i centristi dell´ALDE un Belga.

    Possiamo invece rivoltarvi la domanda: perché alle elezioni europee non candidate un europeo? Infatti solo il Movimento Cinque Stelle in Italia non indica chi è il proprio candidato… Intendete forse candidare Casaleggio? Effettivamente il grigiore dei burocrati europei gli si addice… In tutta Europa si discute di chi dovrà guidare la Commissione europea e cosa dovrà fare. Il M5S se ne frega e parla di “Renzie” senza avere la minima idea di come concretamente portare avanti una azione veramente a favore dei cittadini all´interno del prossimo Parlamento europeo…

    2. “La lista l’altra Europa con Tsipras avrà pochi voti quindi è un voto inutile per chi vuole cambiare l’Europa.”

    Falso! L´Europa la cambia chi avrà a livello Europeo i numeri e il  consenso per farlo, giorno per giorno. La nostra è una lista europea, e saremo secondo tutti i sondaggi il terzo gruppo, il terzo incomodo, subito dietro socialisti e popolari. Avremo senza dubbio un peso nel parlamento europeo e ci candidiamo a rompere le larghe intese che fino ad ora hanno portato solo tagli e povertà. Potremmo essere determinanti per una svolta nelle politiche europee, eleggendo deputati da tutti i paesi, al contrario del movimento cinque stelle.

    Il M5S  -sempre che non si allei con i neofascisti e nazionalisti di Farage e Le Pen – resterà da solo, con una manciata di deputati assolutamente inutilie senza un gruppo politico di riferimento, bloccato nel limbo dei “non iscritti”, un gruppo persino meno rilevante del gruppo misto. Per formare infatti un gruppo parlamentare servono almeno 25 eletti di almeno sette differenti paesi, e il M5S ha deciso di non parlare con nessun’altra forza europea, per non rischiare di diventare utile a qualcosa che non sia la mera testimonianza.
    #facciamochiarezza

    FONTE: http://claudioriccio.eu

    Condividi questo Contenuto

      Il governo Renzi rottama l’università: ancora tagli agli atenei

      cosedellaltraeuropa
      Il governo Renzi si è insediato con manovre di palazzo e grandi proclami. Tra questi spiccava senza dubbio il forte richiamo all’Istruzione come priorità di intervento. Abbiamo sentito più volte il premier ripetere “istruzione, istruzione, istruzione” richiamando il motto di Tony Blair “education, education, education”. Messo alla prova dei fatti Renzi ha però già smentito se stesso.

      Nel DEF, infatti, spuntano i tagli all’ Continua a leggere
      Condividi questo Contenuto

        Il PD: SI ASTIENE! Capolista donne ? Ma non difendono i diritti delle donne.

        cosedellaltraeuropa

        “Il Pd ricandida tutti gli europarlamentari che a dicembre hanno bocciato la risoluzione Estrela su salute e i diritti sessuali”. Alessandra Quarta, candidata a Bruxelles con la Lista Tsipras, attacca frontalmente il Partito democratico. I fatti: qualche mese fa, l’europarlamentare portoghese del Pse Edite Estrela ha visto bloccata la sua proposta su educazione sessuale, diritti Glbt e interruzione volontaria di gravidanza per una manciata di voti. Colpa anche dei Democratici italiani, che, capitanati da David Sassoli, si sono astenuti. Secondo Quarta, tutti quegli esponenti sono in lista per le Europee, assieme alle capolista donne volute da Matteo Renzi: “Un ‘pinkwashing’ per mostrare un partito più ricettivo sulle questioni di genere, ma la realtà è che il Pd vuole mandare in Europa gli antiabortisti”

        Condividi questo Contenuto