Settantesimo Liberazione – Racale

copertina_settantesimo Racale

Settanta.
Settanta candeline per la Resistenza, per il coraggio e la determinazione di molti concittadini che per regalare una Patria libera hanno scelto di allontanarsi dall’affetto delle proprie famiglie e, in alcuni casi, scegliere di morire.

Non c’è una data che stabilisca quando la Resistenza iniziò. Come scrisse Piero Calamandrei, semplicemente, «Era giunta l’ora di resistere; era giunta l’ora di essere uomini: di morire da uomini per vivere da uomini». La lotta partigiana in Italia fu caratterizzata dall’impegno unitario di tutto il fronte delle opposizioni che il fascismo con la violenza e la persecuzione aveva tentato di stroncare con ogni mezzo.

Cattolici, comunisti, liberali, socialisti, azionisti, monarchici, anarchici, trovarono intesa ideale e organizzativa sotto il comune obiettivo della democrazia e della libertà. È in quella scelta che si trovano le radici dell’Italia repubblicana. È grazie a quella scelta, infatti, che venne a costituirsi il Comitato di Liberazione nazionale che dopo la cacciata dei nazisti e del fascisti fu la culla per il primo parlamento democratico e la fucina feconda della nostra Costituzione.

In questi anni abbiamo osato parlare a sproposito usando le parole “Resistenza”, “Libertà”, “Liberazione” e, avvalendoci di frasi e citazioni di personaggi importanti, cercheremo di capire il significato vero dei termini tentando di risolvere un problema: oggi, 25 aprile, ci sono ancora nemici da affrontare. La mancanza di memoria e l’assenza di verità. E, prima di continuare, permettetemi di riportare una frase particolare, a proposito di mancanza di memoria: oggi la nuova resistenza – disse Sandro Pertini – in che cosa consiste. Ecco l’appello ai giovani: di difendere queste posizioni che noi abbiamo conquistato; di difendere la Repubblica e la democrazia. E cioè, oggi ci vuole due qualità a mio avviso cari amici: l’onestà e il coraggio. L’onestà… l’onestà… l’onestà. […] E quindi l’appello che io faccio ai giovani è questo: di cercare di essere onesti, prima di tutto: la politica deve essere fatta con le mani pulite. Se c’è qualche scandalo. Se c’è qualcuno che da’ scandalo; se c’è qualche uomo politico che approfitta della politica per fare i suoi sporchi interessi, deve essere denunciato!

 

Partigiani e Deportati Deceduti

di Racale (LE)

nella Guerra di Liberazione contro il nazifascismo

 

resistenza-14 resistenza-13
 resistenza-12  resistenza-11
 resistenza-10  resistenza-09
 resistenza-08  resistenza-07
 resistenza-06  resistenza-05
 resistenza-04  resistenza-03
 resistenza-02
deportati_big

 

pagina a cura di Mattia Chetta e Robert D’Alessandro

 

 

Condividi questo Contenuto

    Un pensiero su “Settantesimo Liberazione – Racale

    1. Pingback: 70esimo Racale, così ricordiamo chi ha perso la vita per la Liberazione - RacaleCAM - BLOG

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.