Il Paese dei balocchi di Marco Antonio Romano

Citazione

Marco Antonio Romano; foto di Giuliano Sabato

Mohammed vive qui a Gallipoli da non so quanti anni. Tanti, non so quanti. D’inverno ha un carretto con cui gira i paesi qua intorno, si ferma nei mercati di paese o nelle feste patronali, provando a vendere suppellettili e, appesi a due staffe che si è costruito e montato con dedizione, parasole, plafoniere e dei bellissimi abiti provenienti dalla sua terra d’origine, il Marocco. I pochi denti che ha in bocca non gli impediscono di sorridere, mentre gli racconto di un Progetto contro il razzismo di qualche mese fa e gli dico “Se ti avessi conosciuto prima ti avrei invitato a cucinare le cose del tuo paese!
E lui mi risponde che si, sa cucinare bene, peccato, “a la prosima che fai io vengo i cuscino, sensa problemi, per tutti“.
Poi, mentre parliamo, mi dice che d’estate cambia qualcosa nel suo lavoro. Sempre lo stesso carretto, ma se ne va in giro sui lidi del litorale di Continua a leggere

Condividi questo Contenuto

    Racale: Santi Caporali – il documentario di Giuseppe Pezzulla

    Comunicato stampa: il 23 agosto serata contro il caporalato a Racale.

    Proiezione del documentario “Santi Caporali” di Giuseppe Pezzulla.

    Ore 21,00 tappa del NARIN CAMP di TDF Mediterranea nel coworking di Staisinergico.

     


    Si svolgerà all’interno del Giardino di Palazzo d’Ippolito, nel centro storico di Racale, la proiezione del documentario “Santi Caporali” del regista Giuseppe Pezzulla: evento inserito nel Narin Camp, campeggio di Terra del Fuoco Mediterranea dedicato ai giovani che vogliono formarsi e confrontarsi sui temi della legalità e della giustizia sociale.

    Trentacinque minuti di racconto video firmato da chi è entrato nel ghetto di Rignano Garganico, in provincia di Foggia, e racconta di un luogo di rabbia e miserie. Un luogo in cui da dieci anni centinaia di costruzioni provvisorie in lamiera, senza acqua né luce né gas, “ospitano” migliaia lavoratori stagionali impegnati nella raccolta dei pomodori. Lavoratori stranieri, ovviamente, privati di diritti, di dignità, di condizioni minime di sopravvivenza.

    “Yvan, Gora e Bouacar sono arrivati in Italia pensando di poter cambiare vita, iniziare un lavoro dignitoso e mettere da parte dei soldi per poter sostenere la propria famiglia in Africa. Da anni ormai vivono una condizione di semi-schiavitù”, racconta Giuseppe Pezzulla. “La tendopoli di Rignano Garganico, come tante Continua a leggere

    Condividi questo Contenuto

      Una rete di associazioni per ricostruire l’Orto dei Tu’rat


      Sabato 7 agosto l’associazione culturale “Orto dei Tu’rat” inseme ad una rete di associazioni, istituzioni, artisti e uomini della cultura,  organizzano una kermesse di musica e cultura. Tutto questo per supportare economicamente la ricostruzione e il ripristino dell’Orto dei Tu’rat adanto nuovamente distrutto per la quarta volta da un incendio.

      Tra musica e cultura, l’iniziativa che va sotto il nome di “CONSCIOUS ISLAND IV” vuole essere un momento di condivisione e scambio di idee e pensieri, una possibilità di favorire lo sviluppo di una rete che comprenda tutte le associazioni presenti sul territorio.

      Tra le associazioni c’è anche l’adesione di “Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie”

      Cos’è l’Orto dei Tu’rat

      Il progetto Orto dei Tu’Rat, premio di Legambiente per le innovazioni  intelligenti, nasce in un terreno dato in comodato d’uso gratuito all’associazione culturale Orto dei Tu’rat.

      Il progetto si prefigge di dare risposta ad un problema sempre più spesso  evidenziato dalle più sofisticate ricerche scientifiche che indicano nel Salento uno dei territori europei a maggior rischio di desertificazione e salinizzazione. Continua a leggere

      Condividi questo Contenuto

        70esimo Racale, così ricordiamo chi ha perso la vita per la Liberazione

        In occasione della ricorrenza del 70esimo anniversario della Resistenza e della guerra di Liberazione dal regime nazifascista, il Comune di Racale organizza un evento al fine di sensibilizzare un pubblico più vasto possibile, con particolare attenzione alle giovani generazioni, e diffondere la conoscenza degli accadimenti, i valori e i protagonisti della lotta partigiana. Mettendo al centro della discussione i valori espressi dalla Costituzione repubblicana e gli ideali di libertà e democrazia.

        Interverranno: Pati Luceri autore di “I deportati salentini leccesi nei lager nazifascisti” e “Partigiani, Antifascisti e Deportati di Lecce e Provincia”; Giuseppe Lagna
        comitato provinciale A.N.P.I. – Lecce; Donato Metallo
        Sindaco della Città di Racale, Roberto D’Ippolito
        Presidente Consiglio Comunale – Racale, Stefania R. Sansone Presidente Consulta Giovanile – Racale. Modererà Mattia Antonio Chetta.

        Durante la serata verranno ricordati i nomi dei partigiani e dei deportati di Racale.

        Condividi questo Contenuto

          Xylella: nasce il comitato “Voce dell’ulivo”. Domenica 8 febbraio la prima assemblea pubblica

          ulivo2° COMUNICATO STAMPA
          Racale 02/02/2015

          Il comitato “Voce dell’Ulivo”, comunica lo STATO DI ALLERTA a tutti i salentini in vista della “MARCIA SU LECCE”.
          In modo particolare, si invitano le aziende agricole a “SCALDARE I MOTORI” dei propri mezzi in attesa delle risultanze dell’assemblea di Domenica 08/02/2015 ore 9,30, presso Acli Racale, durante la quale verrà stabilita la data dell’evento.

          Tra i vari argomenti che verranno trattati nel corso dell’assemblea, la condivisione di un pacchetto di iniziative volte a proseguire l’azione di sensibilizzazione delle problematiche.
          Tra le ipotesi al vaglio, dopo la manifestazione a Lecce: L’OCCUPAZIONE DELLA SEDE DEL CONSIGLIO REGIONALE.
          Inoltre, è sempre più forte l’idea di organizzare una nuova manifestazione a ROMA.

          1° COMUNICATO STAMPA
          Racale 31/01/2015

          Nasce il comitato spontaneo “Voce dell’ulivo”
          Si è tenuto venerdì 30 gennaio a Racale presso i locali Continua a leggere

          Condividi questo Contenuto

            Le trivelle al Capo di Leuca? Figlie del “non cambiamento” di Renzi

            renzi_sblocca italia

            “Cambiare verso” questo è lo slogan, tra i più detti e ridetti, del nostro attuale premier Matteo Renzi. Eppure l’Italia sembra non cambiare affatto verso, prima avevamo quello delle centrali nucleari oggi abbiamo quello delle trivelle per la ricerca di petrolio.

            E’ ormai senza ombra di dubbio in atto il cosiddetto “non cambiamento”, almeno per quanto riguarda le politiche energetiche e tutte le tematiche ad esse collegate.

            Con il decreto “Sblocca Italia” approvato dalla Camera il 30 ottobre 2014 e dal Senato il 5 novembre 2014 si è dato il via libera alle trivellazioni e ad un’altra serie di azioni che danneggiano paesaggio e ambiente.

            In questo caso ci soffermeremo nello specifico alle trivellazioni del Capo di Leuca (link fb comitato no-triv) che in questi giorni hanno visto l’aggregazione di diversi comitati per la lotta contro questo abominio nei confronti del Salento e del suo territorio.

            9 novembre 2014
            Il Pd salentino insieme al suo segretario provinciale Salvatore Piconese organizza una manifestazione contro le trivelle.

            Quale credibilità può avere un’azione di questo tipo ?

            • Il Premier si chiama Matteo Renzi, è il segretario del Partito Democratico eletto anche con i voti dei militanti del Pd salentino.
            • Il decreto “Sblocca Italia” ha riscosso i voti favorevoli dei deputati Continua a leggere
            Condividi questo Contenuto

              L’itinerario della Comunità Parrocchiale di San Giorgio verso il Natale

              Anche quest’anno arriva Natale, occasione nella quale molti fedeli cristiani si prodigano nei momenti di riflessione profonda, al centro della religione cattolica vi è uno degli eventi più importanti: la nascita di Gesù.
              Come ogni anno, la Parrocchia San Giorgio Martire di Racale organizza un programma fitto di eventi.

              Tra questi vi segnaliamo in particolar modo la seconda tappa della Pastorale per le vie del paese organizzata dall’Azione Cattolica dei Ragazzi che si svolgerà domenica 21 dicembre (per l’itinerario visitate questo link Pastorale 2014).

              Altro appuntamento imperdibile è il concerto dei Frati Francescani di Sabato 20 dicembre alle ore 19.30 dal titolo “a Te solo, Altissimo…”.

              E’ in corso, inoltre, la Novena di Natale che si tiene ogni giorno alle 6.00 del mattino. Per quanto ci fa sapere la Parrocchia, questo è un appuntamento molto partecipato soprattutto dai giovani.

              Invece per il periodo post Natale ci segnalano il concerto del Continua a leggere

              Condividi questo Contenuto

                Cristiani e fedeli di Cristo a giorni alterni

                aiutare-gli-altriDicembre, Natale, festività. Regali, pensierini, corse nei centri commerciali, nei piccoli negozi. L’affetto e il calore dovrebbero crescere in questo periodo così come dovrebbe crescere la solidarietà tra gli esseri umani. Regole, normative, giornate internazionali su diritti umani e volontariato istituite dalle Nazioni Unite, in piccoli frammenti di tempo, eliminate dalla supremazia assoluta dell’ego, dell’ “io”.

                In questi giorni si fa sentire ancora di più l’ondata Salvini, l’altro Matteo, populista più di quello che doveva rottamare e che aveva bisogno di soli 100 giorni per dimostrare concretezza, affidabilità, sicurezza e stabilità al Paese. E’ successo che alcuni giorni fa a Bergamo, in Lombardia, nell’Istituto “De Amicis” il dirigente scolastico Luciano Mastrorocco ha vietato la realizzazione del presepe all’interno del plesso stesso. Apriti cielo! Come se Mastrorocco abbia dichiarato di aver aderito ad una setta satanica, come se avesse insultato i bambini, o, che ne so, i genitori. Il Salvini, abile populista e stratega delle onde mediatiche, ha definito il dirigente “ANTI-SCOLASTICO”. Continua a leggere

                Condividi questo Contenuto

                  Scuola, impresa, startup: una storia a Sud quella del Prof Daniele Manni

                  Daniele Manni, professore di informatica presso l’Istituto Tecnico Commerciale “O.G. Costa” di Lecce, originario di Racale, in corsa per il milione di dollari messo in palio dalla “Varkey Gems Foundation”, un’organizzazione internazionale che si occupa della promozione delle eccellenze nel settore “Education”, individuando coloro che vi operano in maniera più innovativa ed efficace contribuendo ad elevare la qualità dell’insegnamento.

                  Racale, venerdì decembrino, PC, piedini accanto al fuoco. Piacevole.
                  Cuffie. Nelle orecchie e nelle mie membra c’è il gradevole suono, la meravigliosa ebbrezza, del Bolero di Ravel e in mente scorrono fantasie sul prossimo San Sebastiano. Penso alla collocazione della cassa armonica, alla disposizione delle sedie, all’animo allegro dei cittadini. Immagino già la Piazza ribollir di persone consumare la nuova pavimentazione, i sorrisi, il calore -e non solo meteorologico-, l’atmosfera, il miglior abito, il miglior animo, l’animo a festa!

                  Curiosando tra vecchie foto della nostra comunità compaiono brevi e noiosi comunicati (li chiamano così) di due società calcistiche, cui il fine di entrambe le società dovrebbe essere lealtà e sportività, ma, vabbé, non voglio entrare nel merito e una notizia che arriva dagli States.

                  Il sito americano riprende ciò che è statto scritto in questi giorni dai siti di notizie italici. Si mira a due italiani speciali, una donna, che insegna a Rovigo, Daniela Boscolo, e un uomo che insegna a Lecce.
                  Il suo nome è Daniele Manni, origini racaline. Daniele Manni, sì, voglio ripetere Continua a leggere

                  Condividi questo Contenuto

                    Etimologia di ‘Perdóno’ – di Chiara Longo

                    foto di H.C. Bresson

                    Da quando siamo bambini, prima ancora di andare a scuola, sin da quando abbiamo i primi rapporti umani, familiari e amicali, gli adulti cercano di spiegarci l’importanza e il senso del perdonare qualcuno che abbia commesso un errore, più o meno percepito come tale, nei nostri confronti. Eppure, osserviamo facilmente vere e proprie storture nelle relazioni umane, dovute alla mancata accettazione degli altri e dei relativi limiti. Che, da ultimo, non indicano altro se non la mancata accettazione di noi stessi e dei nostri limiti. Come in tutte le vicende sociali, un peso tanto rilevante quanto sottovalutato è da attribuirsi al linguaggio e al significato autentico delle parole, che spesso viene soppiantato da un uso comune e da un significato che ne risulta, per certi versi, distorto. Appare quanto mai utile, quindi, analizzare con una certa profondità il valore del termine “perdonare”.
                    Perdóno è un vocabolo che non deriva dal latino e, come il verbo perdonare, non esiste su alcun vocabolario latino. Il termine è stato coniato per la prima volta in lingua volgare, ossia in italiano arcaico. Storicamente, il primo ad usarlo lasciandone traccia fu Francesco D’Assisi, al ritorno dalla Crociata d’Egitto; egli, uomo di grande levatura spirituale, prima e oltre che culturale, scrive per la prima volta intorno al 1200 «Beati quelli che perdonano per lo Tuo Amore».
                    Le tradizionali traduzioni latine dei Vangeli riportano in più di una frase il verbo in questione, ad esempio «Perdona loro, perché non sanno quello che fanno». Occorre però specificare che il verbo latino non è mai perdonare, bensì ‘remittere’, rimettere, che significa allontanare, mandare via, staccare.
                    È singolare che il verbo perdonare abbia assunto, nel linguaggio comune, il significato Continua a leggere

                    Condividi questo Contenuto

                      LA FORZA DELLA VITA – una sfida collettiva

                      10460990_893424910681512_7712092453761984688_nIl 30 novembre ci saranno, in Puglia, le primarie per decidere il candidato presidente della Regione Puglia per la coalizione del centrosinistra, è una tappa molto importante per tutti noi Pugliesi. Abbiamo in eredità una grande visione da portare avanti, in questi dieci anni c’è stata indicata la strada, oggi tutti noi abbiamo più consapevolezza del futuro che vorremmo per noi e per la nostra Regione.
                      E’ molto importante andare a votare, non lasciamo che il futuro della Regione lo decidano i partiti, facciamoci carico di questa scelta, proprio come abbiamo fatto nel 2005 e nel 2010.

                      Io ho deciso di sostenere Guglielmo Minervini perché più rappresenta l’essenza della Puglia Migliore di questi dieci anni. E’ l’unica persona che crede in una politica onesta e trasparente che ha a cuore il bene comune e la giustizia sociale.

                      La Forza della VITA – una sfida collettiva
                      Mercoledì 19 novembre a Bari si è tenuta “La Forza della VITA – una scelta collettiva”, uno degli appuntamenti più importanti della campagna elettorale di Guglielmo Minervini. Il tema della serata è stato Continua a leggere

                      Condividi questo Contenuto

                        Casarano: inaugurazione orto urbano Mammaro

                        Comunicato stampa INAUGURAZIONE ORTO URBANO MAMMARAO, CASARANO- 15 NOVEMBRE: “DALL’AULA AL LAVORO. L’orto urbano Mammarao: un’esperienza di formazione professionale e accompagnamento al lavoro.”


                        Sabato 15 novembre p.v. ci sarà l’inaugurazione dell’orto urbano Mammarao in via Pimmenthel a Casarano.

                        L’orto urbano Mammarao è sostenuto dalla scuola di formazione professionale Santa Cecilia di Casarano e nasce in seguito al corso di formazione per il rilascio della qualifica di contadino. Il progetto prevede il recupero di tre appezzamenti di terreno in contrada Mammarao (attorno a via Pimmenthel), uno dei quali è stato pensato e creato come spazio giochi con un campetto di calcio e una pista di mountain bike. Gli altri due sono stati bonificati e trasformati in orti dai ragazzi del corso di contadino.

                        All’interno della giornata di inaugurazione di Mammarao, il 15 novembre, alle 15.30 presso l’aula magna della Scuola in via Spagna a Casarano, ci sarà un dibattito dal titolo “Dall’aula al lavoro” per riflettere sul’esperienza della formazione professionale come reale possibilità di avviamento al lavoro. Spunto per tale dibattito sarà proprio l’esperienza dei ragazzi di Mammarao che si costituiranno in cooperativa agricola in seguito Continua a leggere

                        Condividi questo Contenuto