Termina la 6^ edizione di Radio SantuCciau: un progetto di comunità per valorizzare e innovare la tradizione delle feste patronali

Con lo spegnimento delle luminarie che delimitavano il percorso della festa patronale di San Sebastiano termina anche la sesta edizione di Radio SantuCciau, il salotto radiofonico nato per raccontare i festeggiamenti del Santo Patrono, decretando dunque l’interruzione momentanea del segnale dell’emittente. Dal cuore pulsante dei festeggiamenti, la piazza che prende il nome del Santo Patrono, anche quest’anno ai microfoni arancio-blu si sono susseguiti tantissimi ospiti “spalmati” nella tre giorni di festa, per oltre 28 ore di diretta, da occasione per raccontare le tradizioni salentine e per discutere di argomenti sociali e di vitale importanza che coinvolgono il territorio, dall’8 al 10 giugno.

Il motore dell’iniziativa, come ogni anno, è rappresentato dall’impegno e dalla passione che decine di volontari impiegano per far crescere il progetto e dall’importante contributo di sponsor e donatori che ci permettono, da sei anni a questa parte, di pensare a tale iniziativa e ampliarla con nuovi elementi.

Continua a leggere
Condividi questo Contenuto

    Conto alla rovescia per Radio SantuCciau 2019: giovedì 23 maggio (ore 19:30) apericena al Bar Centrale 2.0 in piazza San Sebastiano (Racale)

    Comunicato stampa APS RacaleCAM 21.05.2019

    Studio radiofonico – RSC2018

    Anche quest’anno l’associazione di promozione sociale ha lavorato al format con l’obiettivo di rendere questa narrazione il punto di ritrovo dell’identità di una comunità utilizzando varie forme e strumenti di comunicazione. Oltre alla radio, che quest’anno può essere seguita in streaming dal sito internet www.radiosantucciau.it, saranno utilizzati i social media, utili a narrare diversamente e in maniera più esialrante, la tre giorni.

    Fervono i preparativi in casa RacaleCAM. In concomitanza con i festeggiamenti religiosi e civili in onore di San Sebastiano, che si svolgeranno a Racale dall’8 al 10 giugno 2019, è in moto da tempo la macchina organizzativa della sesta edizione di Radio SantuCciau, il salotto radiofonico più irriverente del Salento che prende il nome dall’uso comune di denominare in dialetto racalino il nome del Santo, cercando di raccontare – come ogni anno – usi e consuetudini dei festeggiamenti.

    Continua a leggere
    Condividi questo Contenuto

      Giuliano Sabato al Terrasininphoto 2018 – memoria è antirazzismo

      Immagine

      copyright Giuliano Sabato

      Una foto di Giuliano Sabato è stata selezionata dall’associazione Nazionale Tempi e Diaframmi su oltre 5000 scatti. La foto è esposta insieme alle 150 super top selezionate per l’evento “Terrasininphoto 2018” che si terrà a Terrasini dal 22 luglio al 05 agosto.

      La storia di cui vi parliamo oggi parte da tanto lontano, esattamente ha a che fare con la Seconda guerra mondiale e ha a che fare con quel filo di cui parla Piero Terracina: “un filo che va dal passato al presente ma poi deve raggiugere anche il futuro”. Oggi più che mai dobbiamo sentire la responsabilità di non dimenticare quella storia, di portare nel futuro quel gomitolo di filo.

      Per farlo ci sono diversi modi, questo che raccontiamo oggi ne è un esempio; una buona pratica in cui attori diversi fanno la propria parte. Era il 2014 quando da Racale partì il primo gruppo di ragazzi per il Treno della Memoria. Fu la risposta di un’amministrazione che credeva in un senso di cittadinanza in cui il primo punto del programma elettorale era quello di generare un cambiamento nella coscienza dei più giovani, perché era da lì che si doveva partire per cambiare un piccolo paese; iniziando dalla costruzione di una comunità consapevole, attenta e che sviluppasse un senso civico tale da essere sensibile alle scelte sociali e politiche che la riguardano.

      La storia di oggi parte da qui. Scaviamo ancora più a fondo, scaviamo e ritorniamo indietro nella storia. Ottanta anni fa il nostro Paese si macchiava dell’emanazione delle leggi razziali fasciste, così dopo il più aspro conflitto mondiale, dalla Resistenza nacque la Costituzione, antirazzista e antifascista. E da ottanta anni a questa parte il nostro Paese sembra non aver ancora fatto bene i conti da quella parte di storia, ecco che dalle Continua a leggere

      Condividi questo Contenuto

        La mostra fotografica Scatto ergo Sum fa tappa a Racale

        Scatto ergo Sum è un progetto di fotografia sociale ideato da Valentina Schito, appassionata di fotografia e socia attiva dell’associazione fotografica “Photosintesi” di Casarano. È un’idea di cui Giuliano Sabato e Valentina ci hanno resi fin da subito partecipi. Con lo stesso entusiasmo e la stessa emozione con cui il 18 marzo scorso abbiamo visto la presentazione del lavoro svolto in questi mesi, vi informiamo che la mostra fotografica “Scatto ego Sum” dal 9 all’11 giugno farà tappa a Racale in Piazza San Sebastiano presso il Bar Centrale 2.0.

        Scatto ergo Sum nasce – come scrive Valentina –  “dallo studio di un progetto personale riguardante la resilienza (capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà)“. L’idea ha visto Continua a leggere

        Condividi questo Contenuto

          Una raccolta fondi per Radio SantuCciau 2018 – abbiamo bisogno di voi!

          Lo avevamo sperimentato già nell’edizione 2016 di Radio SantuCciau, quest’anno ci stiamo riprovando. È iniziata da diversi giorni la nostra campagna di crowdfunding sulla piattaforma Produzioni Dal Basso. Vogliamo scommettere anche quest’anno sul senso collettivo di questa meravigliosa esperienza. L’associazione di promozione sociale RacaleCAM, infatti, negli anni si è posta l’obiettivo di ricostruire il valore collettivo delle tradizioni e delle feste patronali: Radio SantuCciau pertanto Continua a leggere

          Condividi questo Contenuto

            Radio SantuCciau inizia a sintonizzare le frequenze per San Sebastiano 2018

            Radio SantuCciau 2016
            foto di Giuliano Sabato

            Come sapete il conto alla rovescia per Radio SantuCciau 2018 è partito da un bel po’. Ed è da qualche settimana che ormai si lavora per il salotto radiofonico più esilarante della festa di San Sebastiano. I festeggiamenti saranno il 9-10-11 giugno prossimi.

            Per il nostro partner radiofonico, quest’anno c’è stato un ritorno alle origini: saremo in F.M. sul 104.1, sulla storica emittente racalina Radio Skylab. Invece la location è sempre quella, Piazza San Sebastiano.

            Radio SantuCciau lo definiamo da sempre “il racconto di una comunità in Continua a leggere

            Condividi questo Contenuto

              Racale: Santi Caporali – il documentario di Giuseppe Pezzulla

              Comunicato stampa: il 23 agosto serata contro il caporalato a Racale.

              Proiezione del documentario “Santi Caporali” di Giuseppe Pezzulla.

              Ore 21,00 tappa del NARIN CAMP di TDF Mediterranea nel coworking di Staisinergico.

               


              Si svolgerà all’interno del Giardino di Palazzo d’Ippolito, nel centro storico di Racale, la proiezione del documentario “Santi Caporali” del regista Giuseppe Pezzulla: evento inserito nel Narin Camp, campeggio di Terra del Fuoco Mediterranea dedicato ai giovani che vogliono formarsi e confrontarsi sui temi della legalità e della giustizia sociale.

              Trentacinque minuti di racconto video firmato da chi è entrato nel ghetto di Rignano Garganico, in provincia di Foggia, e racconta di un luogo di rabbia e miserie. Un luogo in cui da dieci anni centinaia di costruzioni provvisorie in lamiera, senza acqua né luce né gas, “ospitano” migliaia lavoratori stagionali impegnati nella raccolta dei pomodori. Lavoratori stranieri, ovviamente, privati di diritti, di dignità, di condizioni minime di sopravvivenza.

              “Yvan, Gora e Bouacar sono arrivati in Italia pensando di poter cambiare vita, iniziare un lavoro dignitoso e mettere da parte dei soldi per poter sostenere la propria famiglia in Africa. Da anni ormai vivono una condizione di semi-schiavitù”, racconta Giuseppe Pezzulla. “La tendopoli di Rignano Garganico, come tante Continua a leggere

              Condividi questo Contenuto

                Visione globale, nella dimensione locale. Quando all’ideologia del nuovo sfugge il possibile, e si affida al necessario.

                fiore nel deserto

                Era una comunità vittima delle scellerate scelte politiche di personaggi molto poco competenti, miopi ad una politica che migliorasse le condizioni di tutti.

                Poi l’avvio di un percorso civico messo in pratica da una minoritaria componente politica che riconoscendo la propria parzialità metteva finalmente al centro i cittadini. Così arriva il cambiamento, quello di cui una comunità aveva bisogno: i cittadini lo votano e credono nella guida di una neo-comunità politica che possa realmente cambiare le sorti del paese. Una politica che riporta la speranza di un progetto nuovo e soprattutto di cambiamento.

                Quel processo civico é stato portatore di un doppio risultato, il secondo, forse ancora più importante del primo: genera un entità terza, di congiunzione tra istituzione e Continua a leggere

                Condividi questo Contenuto

                  Una mostra fotografica sulla biodiversità

                  Comunicato stampa Associazione APE “Gabriele Toma” – Racale
                  “MOSTRA FOTOGRAFICA: la flora e la fauna del Salento”

                  L’Associazione APE “Gabriele Toma” organizza presso il Giardino Costiero di Torre Suda, marina di Racale, per giovedì 20, venerdì 21 e sabato 22 agosto, una mostra fotografica naturalistica sulla flora e la fauna del Salento. Gli obiettivi dell’iniziativa sono: divulgazione, informazione e sensibilizzazione verso i temi ambientali di tutela e salvaguardia della flora e della fauna selvatiche del Salento; promozione turistica dei Parchi Naturali Regionali, delle Riserve Naturali e dei luoghi di interesse naturalistico della provincia di Lecce. Con particolare interesse al Parco Naturale Regionale “Isola di Sant’Andrea e Litorale di Punta Pizzo” e Parco Naturale Regionale “Litorale di Ugento”.

                  Il progetto rientra tra le iniziative promosse dal CSV Salento mediante il bando “Idee per la promozione del volontariato 2015”. Infatti l’Associazione APE è risultata vincitrice della seconda scadenza del bando che ha visto il posizionamento del progetto presentato dall’associazione all’11° posizione.

                  L’idea della mostra nasce dalla collaborazione dell’associazione APE con il gruppo di giovani appassionati di “Flora e fauna del Salento” che da ormai un po’ di anni si occupa della divulgazione scientifica inerente la biodiversità che caratterizza gli ambienti del territorio salentino. Inoltre per la realizzazione del Continua a leggere

                  Condividi questo Contenuto

                    Una nuova Sinistra: “Possibile”

                    Possibile

                    Cos’è successo…

                    Domenica scorsa si è svolta la prima assemblea nazionale di “Possibile”, il movimento che è nato dall’uscita della parte cavatina dal Partito Democratico.

                    Finalmente! Finalmente si è liberata quella bell’energia che è sempre stata poco utilizzata nel Pd, quei compagni e quelle compagne con cui da sempre c’era una reciproca condivisione di vedute ma non c’era un vero e proprio terreno comune su cui confrontarsi e agire insieme. – O meglio – probabilmente c’è stato fino alle elezioni del 2012 quando comunque il centrosinistra ha creduto nella coalizione “Italia Bene Comune”, una coalizione che metteva insieme anche quella sinistra che credeva nel Pd come principale forza progressista di questo Paese. Quel Pd aveva imparato a contaminarsi con quella sinistra che si era portata un passo avanti nella sfida della declinazione della propria essenza nella modernità. Ma la storia, come tutti ben sappiamo, ha avuto un altro corso. L’entrata in scena del “rottamatore”, non votato da nessuno, ha voluto rottamare non le larghe intese, non Berlusconi, non i vecchi del partito, ma ha voluto scegliere di rottamare la sinistra. Puntando nella direzione opposta, riempiendo il proprio partito di persone non certo di sinistra e facendo un governo politico di larghe intese con Alfano e la destra di questo Paese. Ma la destra non è soltanto questione di amicizie di governo, ma è proprio un’agenda politica – tutta diversa da quella di Italia Bene Comune – che con la sinistra non ha niente a che spartire. Dal decreto “Sblocca Italia” (cemento, trivelle e ancora combustibili fossili), Jobs Act (meno diritti, cancellazione dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori, sempre più precariato, zero investimenti), riforma costituzionale e legge elettorale (meno democrazia, con qualche pizzico di incostituzionalità ), alla Buona Scuola (preside manager, autonomia, finanziamenti alle paritarie, meno scuola pubblica). Da non tralasciare le belle storielle che ci ha da sempre raccontato sull’Europa, in sei mesi non è riuscito neanche a porre un ragionamento europeo sull’immigrazione.

                    Per non parlare di Renzi segretario del Pd: un disastro. Affossa Marino e candida un ineleggibile come presidente della regione Campania. Una svolta autoritaria e liberista dove o la pensi come Renzi o sei un gufo.

                     

                    Ci vogliono far credere che una nuova sinistra è quasi uguale alla destra…
                    Invece una nuova sinistra, è possibile.

                    Ho da sempre condiviso molte posizioni di Civati, tanto da sostenerlo e votarlo alle primarie del 2013. Seguo da tempo con grande curiosità e condivisione le battaglie politiche di Elly Schlein. Dopo essere uscito da Sel meno di un anno e mezzo fa mi sono sempre ritrovato in quella “terra di mezzo” che va da Civati a Tsipras, passando Continua a leggere

                    Condividi questo Contenuto

                      Si spengono le frequenze di “Radio SantuCciau”: oltre 40 ore di live

                      A spegnersi non sono solo le luminarie in piazza ma anche le frequenze del salotto radiofonico di Radio SantuCciau, ubicato nel fulcro dei festeggiamenti civili in onore di San Sebastiano, a Racale.
                      Quaranta ore di diretta dal 30 maggio al 2 giugno per raccontare come la comunità racalina ha vissuto il Santo Patrono e conoscere meglio le associazioni che danno prestigio e orgoglio alla città.

                      Tanti amici e tanti ospiti hanno fatto tappa all’interno dei nostri studi, dal maestro Loredana Calò, direttore del Gran Concerto Bandistico di Noha, a don Totò Tundo e don Tommaso Semola (sacerdoti della parrocchia “San Giorgio Martire”), dal sindaco di Racale Donato Metallo al “governatore” di Torre Suda Daniele Renna e Roberto D’Ippolito, presidente del Consiglio comunale racalino. Senza dimenticare Sara Vita Felline, direttamente da “The Voice of Italy”, Simona Palese (Staisinergico), Enzo Manni e Federico Manni dell’associazione “La Voce dell’Ulivo”, Daniele Errico, agronomo e paesaggista, Ilvo Stanca, presidente del Racale Alliste Calcio, Stefania Sansone, presidente della Consulta giovanile e infine gli amici di “Flora e Fauna del Salento“, della cover band di Jannacci e Gaber “La Strana Famiglia” e dell’incontro con l’autore Francesco De Giorgi per “I bassisti muoiono giovani”.

                      Continua a leggere

                      Condividi questo Contenuto

                        Canale 8 dedica un servizio a “Radio SantuCciau” – VIDEO

                        Ecco il servizio che è andato in onda nei tg di Canale 8 nella giornata di giovedì 4 giugno 2015

                        Condividi questo Contenuto