Il miracolo del Pd salentino si chiama Sergio Blasi ma la segreteria se ne frega!

Blasi a Melpignao

Leggevo ieri (09/07/2015) un articolo sul “Nuovo Quotidiano di Puglia – Lecce” in cui il segretario provinciale del Pd Salvatore Piconese dichiarava “vado avanti basta con le polemiche”

“Il Pd salentino non è stato mai così vincente come ora”

Forse non è chiaro il punto della situazione: il Pd salentino vince più di prima perché ha delle persone, dei candidati che alcuni cittadini hanno votato più di altri proprio perché molti cittadini, militanti del Pd e non, hanno dato la fiducia a questi. E queste volontà del popolo del centrosinistra non corrispondono con la rappresentanza in giunta regionale.

Io personalmente il 31 maggio per la prima volta, e certamente l’ultima, ho votato il Pd, l’ho fatto nel modo più chiaro possibile, riponendo la fiducia in un candidato, una persona ben precisa che portava avanti determinate idee. Quella persona si chiama Sergio Blasi ed è il candidato più suffragato sia in provincia che in regione.  C’è stata una maggioranza ben Continua a leggere

Condividi questo Contenuto

    «L’Europa a causa delle politiche dell’austerity si sta suicidando»

    10561718_1618636801711673_7997457963599184356_nLa causa che ha portato il governo Tsipras a indire un referendum non è qualcosa di anomalo, qualcosa di raro, ma storia ordinaria di un’Europa basata sempre più sull’economia che sulla politica. Era il 18 marzo 2010 quando il governo di Atene diceva “Se l’Europa ci abbandona dovremmo chiedere aiuto al Fmi”, anche allora, la signora Merkel rispondeva con la sua solita arroganza di chi può giocare il ruolo del più forte: “chi è incapace di rientrare dal debito va escluso dall’eurozona”. Un’esperienza simile l’ha provata anche l’Italia, nel 5 agosto 2011, la Bce dichiarava “Senza le riforme necessarie, non acquisteremo i vostri titoli”. Quali fossero le riforme necessarie poi non l’abbiamo mica tanto capito: il caro Monti, con le politiche dell’austerity di danni ne ha fatti veramente di grossi. Ora stanno venendo tutti a galla. E menomale che era un professore?!

    Ora, però, ritorniamo alla Grecia. Era il 3 novembre 2011 e lo stato greco subiva l’ennesimo diktat dall’Europa (Merkel e Sarkozy): “o il referendum o gli aiuti”. E’ con queste parole che l’allora governo greco guidato da Papandreou decise di piegarsi al potere dell’Europa e di sottomettere il popolo greco al governo della Troika e alle politiche dell’austerity. Proprio come quello che è accaduto in queste ore, l’Europa anche nel 2011, disse alla Grecia che se Continua a leggere

    Condividi questo Contenuto

      Il lungo viaggio di Spaky

      foto-di-Mariano-Polimeno

      foto di Mariano Polimeno

      650 km…

      650 km misura esattamente la distanza in linea d’aria tra Santa Maria di Leuca e Segna, cittadina croata di poco più di settemila anime, posta sulla costa dalmata e facente parte della Regione della Lika e di Segna. In questa piccola città è situato il “Grifon centar za zaštitu ptica grabljivica”, che sostanzialmente significa “centro per la protezione dei grifoni e degli uccelli predatori”, in cui il direttore Goran Susic, ornitologo professionista e appassionato di grifoni, cura, alleva e restituisce alla natura questi splendidi uccelli rapaci.

      Il grifone (nome scientifico Gyps fulvus ) è un rapace di grosse dimensioni, un avvoltoio la cui apertura alare può addirittura superare i 2 metri! Presente in passato pressoché in tutta la penisola italiana, nel ‘900 le popolazioni di grifoni in Italia hanno subito una fortissima regressione, fino alla quasi totale estinzione, questo a causa delle abitudini alimentari strettamente necrofaghe di quest’animale, in rapporto a motivi strettamente antropici. Il grifone, infatti, si nutre esclusivamente di animali morti da poco, soprattutto di animali predati da grandi predatori, perciò tende a scomparire laddove vi è la mancanza di grandi predatori come lupi ed orsi. La crisi delle popolazioni di predatori come il lupo e l’orso causata da veri e propri stermini da parte dell’uomo tramite la caccia diretta e tramite l’avvelenamento con carne avvelenata, nei primi decenni del ‘900 ha causato la progressiva scomparsa del grifone, che si estinse ovunque tranne che in Sardegna, dove si salvò grazie all’installazione di vari punti di foraggiamento, ovvero carnai atti a nutrire questi splendidi rapaci. Negli ultimi anni, anche in Italia, oltre che nella vicina Croazia, si sta dando il via a grandi progetti di reintroduzione, soprattutto in quelle zone che negli ultimi anni stanno vedendo il ritorno dei grandi predatori, amici di merenda di questi splendidi uccelli necrofagi. Grazie a questi preziosi progetti, oggi è possibile ammirare i grifoni in Continua a leggere

      Condividi questo Contenuto

        Una nuova Sinistra: “Possibile”

        Possibile

        Cos’è successo…

        Domenica scorsa si è svolta la prima assemblea nazionale di “Possibile”, il movimento che è nato dall’uscita della parte cavatina dal Partito Democratico.

        Finalmente! Finalmente si è liberata quella bell’energia che è sempre stata poco utilizzata nel Pd, quei compagni e quelle compagne con cui da sempre c’era una reciproca condivisione di vedute ma non c’era un vero e proprio terreno comune su cui confrontarsi e agire insieme. – O meglio – probabilmente c’è stato fino alle elezioni del 2012 quando comunque il centrosinistra ha creduto nella coalizione “Italia Bene Comune”, una coalizione che metteva insieme anche quella sinistra che credeva nel Pd come principale forza progressista di questo Paese. Quel Pd aveva imparato a contaminarsi con quella sinistra che si era portata un passo avanti nella sfida della declinazione della propria essenza nella modernità. Ma la storia, come tutti ben sappiamo, ha avuto un altro corso. L’entrata in scena del “rottamatore”, non votato da nessuno, ha voluto rottamare non le larghe intese, non Berlusconi, non i vecchi del partito, ma ha voluto scegliere di rottamare la sinistra. Puntando nella direzione opposta, riempiendo il proprio partito di persone non certo di sinistra e facendo un governo politico di larghe intese con Alfano e la destra di questo Paese. Ma la destra non è soltanto questione di amicizie di governo, ma è proprio un’agenda politica – tutta diversa da quella di Italia Bene Comune – che con la sinistra non ha niente a che spartire. Dal decreto “Sblocca Italia” (cemento, trivelle e ancora combustibili fossili), Jobs Act (meno diritti, cancellazione dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori, sempre più precariato, zero investimenti), riforma costituzionale e legge elettorale (meno democrazia, con qualche pizzico di incostituzionalità ), alla Buona Scuola (preside manager, autonomia, finanziamenti alle paritarie, meno scuola pubblica). Da non tralasciare le belle storielle che ci ha da sempre raccontato sull’Europa, in sei mesi non è riuscito neanche a porre un ragionamento europeo sull’immigrazione.

        Per non parlare di Renzi segretario del Pd: un disastro. Affossa Marino e candida un ineleggibile come presidente della regione Campania. Una svolta autoritaria e liberista dove o la pensi come Renzi o sei un gufo.

         

        Ci vogliono far credere che una nuova sinistra è quasi uguale alla destra…
        Invece una nuova sinistra, è possibile.

        Ho da sempre condiviso molte posizioni di Civati, tanto da sostenerlo e votarlo alle primarie del 2013. Seguo da tempo con grande curiosità e condivisione le battaglie politiche di Elly Schlein. Dopo essere uscito da Sel meno di un anno e mezzo fa mi sono sempre ritrovato in quella “terra di mezzo” che va da Civati a Tsipras, passando Continua a leggere

        Condividi questo Contenuto

          Si spengono le frequenze di “Radio SantuCciau”: oltre 40 ore di live

          A spegnersi non sono solo le luminarie in piazza ma anche le frequenze del salotto radiofonico di Radio SantuCciau, ubicato nel fulcro dei festeggiamenti civili in onore di San Sebastiano, a Racale.
          Quaranta ore di diretta dal 30 maggio al 2 giugno per raccontare come la comunità racalina ha vissuto il Santo Patrono e conoscere meglio le associazioni che danno prestigio e orgoglio alla città.

          Tanti amici e tanti ospiti hanno fatto tappa all’interno dei nostri studi, dal maestro Loredana Calò, direttore del Gran Concerto Bandistico di Noha, a don Totò Tundo e don Tommaso Semola (sacerdoti della parrocchia “San Giorgio Martire”), dal sindaco di Racale Donato Metallo al “governatore” di Torre Suda Daniele Renna e Roberto D’Ippolito, presidente del Consiglio comunale racalino. Senza dimenticare Sara Vita Felline, direttamente da “The Voice of Italy”, Simona Palese (Staisinergico), Enzo Manni e Federico Manni dell’associazione “La Voce dell’Ulivo”, Daniele Errico, agronomo e paesaggista, Ilvo Stanca, presidente del Racale Alliste Calcio, Stefania Sansone, presidente della Consulta giovanile e infine gli amici di “Flora e Fauna del Salento“, della cover band di Jannacci e Gaber “La Strana Famiglia” e dell’incontro con l’autore Francesco De Giorgi per “I bassisti muoiono giovani”.

          Continua a leggere

          Condividi questo Contenuto

            Canale 8 dedica un servizio a “Radio SantuCciau” – VIDEO

            Ecco il servizio che è andato in onda nei tg di Canale 8 nella giornata di giovedì 4 giugno 2015

            Condividi questo Contenuto

              70esimo Racale, così ricordiamo chi ha perso la vita per la Liberazione

              In occasione della ricorrenza del 70esimo anniversario della Resistenza e della guerra di Liberazione dal regime nazifascista, il Comune di Racale organizza un evento al fine di sensibilizzare un pubblico più vasto possibile, con particolare attenzione alle giovani generazioni, e diffondere la conoscenza degli accadimenti, i valori e i protagonisti della lotta partigiana. Mettendo al centro della discussione i valori espressi dalla Costituzione repubblicana e gli ideali di libertà e democrazia.

              Interverranno: Pati Luceri autore di “I deportati salentini leccesi nei lager nazifascisti” e “Partigiani, Antifascisti e Deportati di Lecce e Provincia”; Giuseppe Lagna
              comitato provinciale A.N.P.I. – Lecce; Donato Metallo
              Sindaco della Città di Racale, Roberto D’Ippolito
              Presidente Consiglio Comunale – Racale, Stefania R. Sansone Presidente Consulta Giovanile – Racale. Modererà Mattia Antonio Chetta.

              Durante la serata verranno ricordati i nomi dei partigiani e dei deportati di Racale.

              Condividi questo Contenuto

                Radio SantuCciau: la programmazione della quattro giorni

                Tutto pronto per la programmazione di Radio SantuCciau, salotto radiofonico prodotto dalla collaborazione tra RacaleCAM e Radio Skylab, il quale mira a raccontare non solo una comunità in festa ma le associazioni e le persone che, lavorando sul territorio e per il territorio, hanno creato buone pratiche per lo sviluppo di idee concrete per la nostra città.

                Si inizia, in rigorosa diretta, oggi dalle 18:00 (fino a mezzanotte circa) da Piazza “San Sebastiano” per l’intervista a Loredana Calò, Maestro e Direttore del “Gran Concerto Bandistico” di Noha e le dichiarazioni di Don Totò Tundo, parroco della Chiesa San Giorgio Martire.

                Domenica, invece, la programmazione da Racale partità dalle ore 10:30 per parlare di Xylella Fastidiosa con Enzo Manni e Federico Manni dell’associazione “La Voce dell’Ulivo” e Daniele Errico, agronomo paesaggista.
                Nel pomeriggio (apertura della diretta alle 18:30) spazio puntato al “Gruppo Frecce” con Barbara Pagano, coordinatrice dello stesso, e Don Tommaso Semola. Occhio di riguardo durante lo spettacolo pirotecnico con un breve Continua a leggere

                Condividi questo Contenuto

                  Scelgo la #BUONAPOLITICA: voto Sergio Blasi

                  10947188_10153252497421684_7265839092522684466_n (1)

                  Il contenuto, il contenitore. Questa forse sarebbe stata la domanda giusta che qualsiasi elettore del centrosinistra avrebbe dovuto porsi per definire la propria scelta politica a queste elezioni regionali. Io, dopo le primarie, questa domanda me la sono posta.

                  Il mio contenitore è stato Sinistra Ecologia Libertà fino a meno di due anni fa. E da parte mia è stata sempre una scelta consapevole, un partito che non era proprio un partito, e una partita: il voler dare un volto nuovo al centrosinistra. Riprovando a costruire una sinistra che sapesse stare al passo con i tempi, che avesse delle idee chiare e fosse coerente prima di tutto con se stessa.

                  Sel in Puglia, come ho già detto in altre occasioni è stata svuotata dei suoi contenuti, trasformata in un contenitore neutro, o quasi.

                  Poco meno a sinistra di Sel c’è il Pd, a livello nazionale sepolto dal partito della nazione di Renzi. Snaturato del suo colore politico, in una continua deriva autoritaria.

                  A livello regionale non è che cambi molto, siamo in perfetto stile partito della nazione che imbarca tutti, indipendentemente da come la si pensa. L’obbiettivo ? Vincere !

                  Per non parlare del Pd Salentino. Pensate un po’, alcune candidature sono scelte di famiglia. Con quale metodo? Di figlio in padre.

                  Forse mi sono fatto la domanda sbagliata. In un tempo in cui la politica non ha più i contenitori (i partiti), come luoghi di condivisione di principi, di idee, di visioni, ma essenzialmente costituiti da persone, non tutte, ma in prevalenza che hanno come obiettivo vincere, senza o con un programma condiviso, questo ormai poco importa. Importante prendere la poltrona, poi al massimo ci si adegua. Se serve andare a sinistra si va a sinistra, se serve andare a destra si va a destra. Possiamo essere il tutto e il niente in base alle esigenze, importante avere quella poltrona.

                  Poi per fortuna mi sono cominciato a fare la domanda giusta… Chi mi può rappresentante? Quale dei candidati è riuscito a dimostrare un interesse nella politica non come cosa che lo riguarda ma come mezzo per migliorare il mondo che ci circonda?

                  Chi l’ha fatto mettendosi allo stesso livello di un semplice Continua a leggere

                  Condividi questo Contenuto

                    San Sebastiano 2015, torna la seconda edizione di Radio SantuCciau

                    image

                    Direttamente da Piazza “San Sebastiano”, principale fulcro dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono, andrà in diretta radiofonica in tutto il Salento il prodotto nato dalla sinergia tra RacaleCAM  e Radio Skylab.
                    Radio SantuCciau – denominazione dialettale di San Sebastiano – giunge alla seconda edizione e ha come scopo quello di intrattenere, narrare la storia, le origini, gli usi e i costumi che si intrecciano durante la quattro giorni dei festeggiamenti civili.
                    Si inizia venerdì, dalle 16 alle 18, sulle frequenze di Radio Skylab per lanciare ufficialmente il salotto radiofonico ubicato in Piazza e sabato, dalle 10 alle 12, per svelare ospiti e programma.
                    Non mancheranno le interviste al Sindaco di Racale, Dott. Donato Metallo, del Presidente del Comitato festa Roberto Russo, dei Parroci della Chiesa Madre,  Don Salvatore Tundo e Don Tommaso Semola e del Direttore e Concertatore del “Gran Concerto Bandistico – Città di Racale”, M° Grazia Donateo. Continua a leggere

                    Condividi questo Contenuto

                      880 mila euro per la piscina comunale. L’amministrazione Metallo sblocca l’impianto natatorio semiolimpionico mai terminato.

                      piscina_comunale_planche

                      880 mila euro per il completamento della piscina comunale di Racale, a dare la notizia è il sindaco Donato Metallo. Nel 2014 scrisse al Presidente del Consiglio Mattero Renzi.

                      RacaleCAM in collaborazione con RacaleVOTA nel giugno del 2012 hanno documentato con dei video lo stato di incompletezza e di degrado delle due opere pubbliche sportive presenti sul territorio di Racale: pallone tensostatico e impianto natatorio semiolimpionico. Emblema di decenni di politiche fallimentari. Come affermano le parole che il sindaco Metallo scrisse nella prima lettera al presidente del Consiglio Mattero Renzi nel giugno 2014 “simbolo dello sperpero, dello stato che non funziona, delle programmazioni sbagliate, dei soldi persi in mille rivoli.” Continua a leggere

                      Condividi questo Contenuto

                        Comitato Voce dell’Ulivo – primo incontro con il Commissario Delegato per l’emergenza Xylella Dott. GIUSEPPE SILLETTI

                        Comunicato stampa comitato “Voce dell’Ulivo”

                        logo voce dell'ulivo
                        L’impegno al fianco dei produttori continua…
                        Primo incontro pubblico e informativo con il mondo agricolo, del Commissario Delegato per l’emergenza Xylella, Dott. GIUSEPPE SILLETTI.

                        Il gruppo promotore indice assemblea SABATO 28/02/15 ORE 17,00 presso la COOPERATIVA ACLI RACALE, via prov. le Racale-Ugento Km 1.1.
                        Si invitano, dunque, produttori, frantoiani, cooperative e cittadini tutti, che condividono le iniziative ed i valori del comitato. Si estende, inoltre, Continua a leggere

                        Condividi questo Contenuto