Termina la 6^ edizione di Radio SantuCciau: un progetto di comunità per valorizzare e innovare la tradizione delle feste patronali

Con lo spegnimento delle luminarie che delimitavano il percorso della festa patronale di San Sebastiano termina anche la sesta edizione di Radio SantuCciau, il salotto radiofonico nato per raccontare i festeggiamenti del Santo Patrono, decretando dunque l’interruzione momentanea del segnale dell’emittente. Dal cuore pulsante dei festeggiamenti, la piazza che prende il nome del Santo Patrono, anche quest’anno ai microfoni arancio-blu si sono susseguiti tantissimi ospiti “spalmati” nella tre giorni di festa, per oltre 28 ore di diretta, da occasione per raccontare le tradizioni salentine e per discutere di argomenti sociali e di vitale importanza che coinvolgono il territorio, dall’8 al 10 giugno.

Il motore dell’iniziativa, come ogni anno, è rappresentato dall’impegno e dalla passione che decine di volontari impiegano per far crescere il progetto e dall’importante contributo di sponsor e donatori che ci permettono, da sei anni a questa parte, di pensare a tale iniziativa e ampliarla con nuovi elementi.

Giunti a questo punto per noi significa molto – afferma Robert D’Alessandro, presidente dell’aps RacaleCAM, associazione ideatrice del progetto –. La dimensione collettiva di questa esperienza ci permette ogni anno di realizzare uno studio radiofonico da zero dove l’aiuto e il sostegno di una comunità diventa indispensabile. Le persone credono fortemente in questo progetto e lo sentono proprio ed è questo sicuramente il traguardo più importate di questa edizione. Tantissimi ospiti e decine di donatori che con il proprio contributo rendono ogni anno realizzabile il salotto radiofonico. Importante quest’anno il patrocinio ricevuto dalla Provincia di Lecce. Ascoltare le parole del Presidente della Provincia – e sindaco di Gallipoli– Stefano Minerva, ci fornisce uno stimolo in più sul lavoro di valorizzazione della cultura delle tradizioni delle feste patronali, obiettivo che come RacaleCAM ci impegniamo a porre nell’agenda istituzionale del nostro operato”.

Nella tre giorni sono stati nostri ospiti Alessandro Adamo, vicepresidente dell’U.S. Lecce, Alessandro Nuzzo di WeAfrica, Andrea e Francesco, amministratori della pagina facebook “Quando il calcio era bello”, Stefano Minerva, sindaco di Gallipoli e presidente della Provincia di Lecce, Graziano Cennamo, presidentedi PugliArmonica, Chiara Eleonora Coppola, progettista per istituzioni culturali e creative, pubbliche e private, lo stylist racalino Michele CastoMichele Manni della cooperativa ACLI Racale, Stefano Mazzeo del progetto “Gioco dunque includo”, Luca Torsello, presidente dell’associazione “Cantiere Aperto”, la musicista cantante tavianese Costanza RainòMichele Cortese, noto cantautore salentino e Fausto Cota, voce del gruppo musicale “Leggera follia”. Anche quest’anno non sono mancate le incursioni dei professionisti del Gran Concerto Bandistico “Città di Racale” col maestro Fulvio Palese. E poi Totò Santantonio e Maria Teresa Marotta, responsabili del gruppo spontaneo in difesa dell’ambiente “Cuori Verdi”, Selenia Stoppa, concorrente dell’edizione 2018 di The Voice of Italy, Pietro Ferrarese, sindaco dei ragazzi, il primo cittadino di Racale, Donato MetalloMatteo Bellaluna, presidente della Consulta giovanile, Liliana Putino ed Emanuela De Donatis, rispettivamente presidente e vicepresidente della cooperativa “InDisciplinati”, Ester Giannelli, voce della band “Camden” e Roberto Russo, presidente del Comitatofesta.

Radio SantuCciau si conferma per il sesto anno come un’occasione per raccontare le tradizioni salentine e per discutere di argomenti sociali di vitale importanza, che coinvolgono il territorio. Per la settima edizione bisognerà aspettare ancora un altro po’, intanto le foto e i video dell’ultima edizione, realizzati da Giuliano Sabato, possono essere visualizzati sulla pagina facebook.

Condividi questo Contenuto

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.